martedì 8 giugno 2021

Recensione "La Psichiatra" di Wulf Dorn

 Il mio primo grande amore.

*

LA PSICHIATRA
di Wulf Dorn
edito Corbaccio



TITOLO: LA PSICHIATRA
AUTORE: WULF DORN
EDITORE: CORBACCIO
PAGINE: 400
PREZZO: Cartaceo € 13 - Ebook € 3.99

TRAMA

Lavorare in un ospedale psichiatrico è difficile. Ogni giorno la dottoressa Ellen Roth si scontra con un’umanità reietta, con la sofferenza più indicibile, con il buio della mente. Tuttavia, a questo caso non era preparata: la stanza numero 7 è satura di terrore, la paziente rannicchiata ai suoi piedi è stata picchiata, seviziata. È chiusa in se stessa, mugola parole senza senso. Dice che l’Uomo Nero la sta cercando. La sua voce è raccapricciante, è la voce di una bambina in un corpo di donna: le sussurra che adesso prenderà anche lei, Ellen, perché nessuno può sfuggire all’Uomo Nero. E quando il giorno dopo la paziente scompare dall’ospedale senza lasciare traccia, per Ellen incomincia l’incubo. Nessuno l’ha vista uscire, nessuno l’aveva vista entrare. Ellen la vuole rintracciare a tutti i costi ma viene coinvolta in un macabro gioco da cui non sa come uscire. Chi è quella donna? Cosa le è successo? E chi è veramente l’Uomo Nero? Ellen non può far altro che tentare di mettere insieme le tessere di un puzzle diabolico, mentre precipita in un abisso di violenza, paranoia e angoscia. Eppure sa che, alla fine, tutti i nodi verranno al pettine.



*

RECENSIONE

Piccola premessa.
Io amo, venero, Wulf Dorn e la sua scrittura.
Ho letto ed amato tutti i suoi libri, dal primo all'ultimo.

LA PSICHIATRA uscì nel lontano 2009 (non avevo ancora il Blog!), io lo lessi e fu amore a prima lettura.

Il 3 Giugno è uscito L'OSSESSIONE, ultimo romanzo di Dorn, nonchè seguito de LA PSICHIATRA.
Così ho deciso di rileggerlo dopo dieci anni per potermi godere al meglio il suo ultimo capolavoro.

E non avrei potuto fare scelta migliore.
Ho avuto la conferma del perchè io abbia un debole per questo genio del thriller psicologico.

Ellen Roth è una psichiatra professionale e competente.
Ama il suo lavoro, i suoi pazienti.
Una in particolare le sta a cuore, la paziente della stanza numero 7.
Non conosce il suo nome, la sua storia.
Il suo compagno e collega Chris, prima di partire per le ferie, le lascia la sua cartella composta da pochissimi dati.
E' una donna impaurita, sporca, con evidenti segni di maltrattamenti e percosse.
E' terrorizzata dall'Uomo nero, è convinta che stia arrivando a prenderla e mette in guardia anche Ellen, prenderà anche lei.

Ellen decide di parlarne con un altro collega, Mark.
Confessa la sua preoccupazione, si sente legata a questa donna, deve darle il suo aiuto.

Tutto ha inizio con l'improvvisa sparizione della paziente senza nome.
In una notte si è volatilizzata.
Ma com'è possibile?
E' scappata, è stata rapita?
Il problema è che l'unica ad aver realmente visto questa donna è Ellen, quindi i colleghi iniziano a chiedersi se esista veramente o sia frutto dell'immaginazione della psichiatra.

Cosa sta succedendo alla Dottoressa Roth?
Sta diventando paranoica, si sente seguita e minacciata dallo stesso Uomo Nero che probabilmente ha rapito la sua paziente.
Nessuno crede alle sue parole, è sola ed impaurita ma vuole andare in fondo a questa storia, deve salvare quella donna, non pensa ad altro.
Si sente braccata, inizia a sospettare sia di Mark che di Chirs, non si fida più di nessuno neanche di sè stessa.

Wulf Dorn gioca con la mente del lettore.
Riesce a catturare l'attenzione sviando continuamente la strada che porta alla verità.
Crea dinamiche, incolpa poi discolpa, ci fa credere di aver individuato il colpevole ma non è così.
Appena il lettore pensa di aver trovato uno spiraglio, arriva il colpo di scena.

Ed è questo che amo di lui.
Ti confonde e lo fa divinamente.

Amo la sua scrittura, trovo che sia geniale.

Questo è stato il suo primo libro, penso di aver iniziato ad amare il thriller psicologico grazie a lui.

Non vedo l'ora di iniziare L'OSSESSIONE per ritrovare nuovamente quel brivido, quello stato di ansia ed angoscia che solo la sua penna può procurarmi.

Se non avete mai letto nulla di suo, vi consiglio di iniziare proprio da LA PSICHIATRA, per poi proseguire alla scoperta del suo magico mondo.

Come dico sempre, difenderò la sua scrittura a spada tratta.
Sono innamorata del suo estro, della sua genialità.

Più dichiarazione d'amore di così!!!

Buona Lettura :)

*

giovedì 3 giugno 2021

Recensione "Le piccole libertà" di Lorenza Gentile

 Una storia di coraggio e rinascita personale.

*

LE PICCOLE LIBERTA' 
di Lorenza Gentile
edito Feltrinelli




TITOLO: LE PICCOLE LIBERTA'
AUTORE: LORENZA GENTILE
       EDITORE: FELTRINELLI
       PAGINE: 256
PREZZO: Cartaceo € 17 - Eboo € 11.99
TRAMA

Oliva ha trent'anni, una passione segreta per gli snack orientali e l'abitudine di imitare Rossella O'Hara quando è certa di non essere vista. Di lei gli altri sanno solo che ha un lavoro precario, abita con i genitori e sta per sposare Bernardo, il sogno di ogni madre. Nessuno immagina che soffra di insonnia e di tachicardia, e che a volte senta dentro un vuoto incolmabile. Fa parte della vita, le assicura la psicologa, e d'altronde la vita è come il mare: basta imparare a tenersi in equilibrio sulla tavola da surf. Ma ecco arrivare l'onda anomala che rischia di travolgerla. Dopo anni di silenzio, la carismatica ed eccentrica zia Vivienne – che le ha trasmesso l'amore per il teatro e la pâtisserie – le invia un biglietto per Parigi, dove la aspetta per questioni urgenti. Oliva decide di partire senza immaginare che Vivienne non si presenterà all'appuntamento e che mettersi sulle sue tracce significherà essere accolta dalla sgangherata comunità bohémienne che fa base in una delle più famose librerie parigine, Shakespeare and Company. Unica regola: aiutare un po' tra gli scaffali e leggere un libro al giorno. Mentre la zia continua a negarsi, Oliva capisce che può esserci un modo di stare al mondo molto diverso da quello a cui è abituata, più complicato ma anche più semplice, dove è possibile inseguire un sogno o un fenicottero, o bere vino sulla Senna con un clochard filosofo. Dove si abbraccia la vita invece di tenersene a distanza, anche quando fa male. E allora, continuare a cercare l'inafferrabile Vivienne o cedere al proprio senso del dovere e tornare a casa? E soprattutto: restare fedele a ciò che gli altri si aspettano da lei o a se stessa? Quando tante piccole libertà finiscono per farne una grande, rinunciarci diventa quasi impossibile.


*

RECENSIONE

Queste pagine sono letteralmente volate.

Mi sono da subito affezionata ad Oliva, una ragazza che finge di vivere la vita che ha sempre sognato ma che, ultimamente, le sta stretta.

Un lavoro che non la soddisfa, un fidanzato che crede di amare, una famiglia che oscura la sua vera natura estroversa.

Basta una strana lettera inviatale dalla Zia Vivienne, dopo sedici lunghi anni di silenzio, per farle mettere in discussione l'intero ciclo della sua esistenza.

Un biglietto sola andata per Parigi, un pacco misterioso ed una richiesta di aiuto.
Oliva parte, senza ripensamenti, raccontando alla famiglia piccole bugie per non far preoccupare..ma si sa..le bugie, anche se raccontate a fin di bene, hanno le gambe corte.

Le indicazioni sono semplicissime.
Oliva e la Zia dovranno incontrarsi davanti alla libreria "Shakespeare and Company".

Peccato che ad accoglierla non ci sarà l'amata Zia ma..Victor, un ragazzo esuberante che lavora qualche ora al giorno in libreria in cambio di un posto dove dormire.

Ed è proprio con l'aiuto di Victor che Oliva, a piccoli passi, riuscirà a rivoluzionare la sua vita, mettendo in un angolo ciò che gli altri vogliono per lei e concentrandosi sulla sua felicità, qualsiasi essa sia.

Per la prima volta metterà al primo posto il suo benessere, i suoi sogni, le sue passioni.

Sarà, senza ombra di dubbio, un percorso in salita, pieno di ostacoli..primo fra tutti la misteriosa assenza della Zia che, tramite biglietti lasciati qui e lì, condurrà Oliva verso la strada della felicità, anticipando le sue mosse, standole accanto anche da lontano.

Siamo un pò tutte Oliva.
Abbiamo paura dei cambiamenti, paura di deludere chi ci sta accanto, paura di sbagliare e lasciarsi andare ma, a volte, il cambiamento è inevitabile.

"Quando tante piccole libertà finiscono per farne una grande, rinunciarci diventa quasi impossibile".

Così dopo tanti ripensamenti, Oliva decide di non tornare a Milano e viversi Parigi e tutte le opportunità che la città dell'amore le sta regalando, grazie anche a persone speciali conosciute quasi per caso, primo fra tutte Victor.

Ho amato moltissimo il personaggio di Victor perchè il suo mood "lasciati andare, rischia, provaci, vivi la tua vita", diventerà il mood di Oliva.
Ho amato la sua capacità di sciogliere i nodi che legavano la vita fittizia di una ragazza piena di speranza che aveva solo bisogno di essere ascoltata ed appoggiata nelle sue aspirazioni.

Ogni personaggio lascerà il segno, ognuno di loro ha una particolarità che, se facciamo attenzione, potremmo riconoscere in noi stessi.

Abbiamo la necessità di vivere l'amore in ogni sua forma.
Perchè l'amore è universale.
Amore per la famiglia, per il lavoro, amore per sè stessi, per la vita in generale.
Amore per le passioni che ci rendono unici agli occhi degli altri.
 
LE PICCOLE LIBERTA' è un romanzo che si legge velocemente, una pagina tira l'altra.
Emoziona, stupisce, lascia un senso di serenità nel cuore dei lettori.
Almeno per me è stato così.
Mi ha tenuto compagnia, mi ha rassicurata e rallegrata.
Ho provato un profondo affetto per Oliva e sono fiera di averla conosciuta tramite le pagine di questo libro.

Ed a fine lettura, anche io ho imparato una cosa: dobbiamo ascoltare il nostro cuore e le nostre emozioni più spesso, dobbiamo dar voce a ciò che sentiamo dentro di noi, non è più tempo di far tacere il volere della nostra anima.

Buona lettura ;)

*

giovedì 27 maggio 2021

Recensione "L'estate che ho dentro" di Viviana Maccarini

 Ci sono storie che lasciano il segno.
La storia di Nina è una di queste.

*

L'ESTATE CHE HO DENTRO
di Viviana Maccarini
edito Rizzoli



TITOLO: L'ESTATE CHE HO DENTRO
AUTORE: VIVIANA MACCARINI
EDITORE: RIZZOLI
PAGINE: 343
PREZZO: Cartaceo € 16 - Ebook € 9.99

TRAMA

Sparire. È questo l’unico programma di Nina per l’estate. E non perché la sua vita non le piaccia. A dir la verità, la sua vita di prima non era affatto male: scuola, social, amiche e nuoto. Ma di tutto questo, dall’incidente in motorino, è rimasto ben poco. Solo profonde cicatrici, nascoste dalle bende che avvolgono un viso in cui Nina non si riconosce più. Così, mentre i suoi amici fantasticano su dove trascorrere le vacanze, Nina una meta ce l’ha già: Volpedo, lo sperduto paesino in collina dove abita il padre, Gabriel, “uno spirito libero”, come lo definiscono tutti. È il posto perfetto per nascondersi dal resto dell’umanità. Anche se lì Nina non è affatto sola: c’è Tommaso, con i suoi misteri; c’è Alisha, la ragazza del mini-market, e poi c’è Filo, l’amico di una vita, che sa sempre dove trovarla. Quando nella sua mente cominciano a risuonare le parole dello psicologo dell’ospedale, che le ha consigliato di iniziare un diario, Nina ne crea uno virtuale, fatto di video, foto e riflessioni che posta sui social con lo pseudonimo di Mia. E quando i follower cominciano ad aumentare, insieme ai like e ai cuori sotto i post, per Nina è il momento di smettere di nascondersi, sfilare le bende e ricominciare. In un’estate che si porterà dentro per sempre.


*

RECENSIONE

Leggendo la trama potrebbe sembrarvi una storia adolescenziale e forse lo è.
Dietro quelle parole, però, si nasconde il passato di ognuno di noi, chi più chi meno.

L'ESTATE CHE HO DENTRO è la storia di Nina, 14 anni e parte del viso sfigurato a causa di un brutto incidente in motorino.
Si sa, quella di Nina è un'età difficile.
La vita gira, quasi tutta, intorno all'apparenza, all'estetica, alla moda, alle compagnie.

Ci sono i giudizi ed i pregiudizi, due avversari micidiali se non hai la forza ed il carattere giusto per combatterli senza paura.

Ed è proprio la paura del cambiamento che terrorizza Nina, tanto da decidere di passare l'estate a Volpedo dove vive suo padre Gabriel, un papà poco presente negli anni ma che sembra essere l'unica via di fuga al momento.

    Nina decide, così, di lasciare le sue amiche più care per rifugiarsi in un paesino che presto le farà riscoprire la voglia di vivere, la voglia di ricominciare da zero, la voglia di conoscere un'altra Nina.

Ed è proprio a Volpedo che Nina incontrerà Tommaso, un ragazzo poco più grande di lei, amico di suo padre.
Tommaso e Gabriel hanno in comune la passione per la fotografia ed è proprio da lui che cercherà di apprendere il più possibile, per poter coronare il suo sogno e magari iniziare a viaggiare.

Il loro primo incontro non è dei migliori ma si sa..le apparenze ingannano ed il loro rapporto farà sognare ed emozionare per l'intera storia.

"E' strano, a volte per sentirci bene abbiamo bisogno che qualcun altro faccia qualcosa per noi. 
Come se non fossimo capaci di farci felici da soli".

Sarà con l'aiuto di Tommaso ed altri pochi amici, tra cui Filo, l'amico di sempre, ed Alisha, che Nina deciderà di riprendere in mano la propria vita, in particolare la fiducia in sè stessa, ripartendo dai social.
Decide di nascondersi dietro il niikname #Miaapregliocchi per raccontare la sua storia.
Dall'incidente, alle cicatrici sul volto, alla paura di non piacere più a nessuno, al tornare a volersi bene ed accettarsi anche se con qualche difetto estetico.
Nina ha la capacità di saper comunicare, di parlare al cuore di ragazzi/e che, come lei, hanno bisogno di nuovi stimoli per ricominciare, per abbattere la sensazioni di essere soli al mondo.

Ma i social sono un'arma a doppio taglio, non è vero?

"I social sono competizione, se non posti niente è come se quel giorno non avessi fatto niente.
Questo è vero, se non accade su Intagram, non è successo. Un classico.
Ma allora perchè lo usiamo?
Secondo me perchè ci sono anche tante cose positive, altrimenti saremmo proprio scemi".

Dietro lo schermo ci sono persone, esseri umani, che a volte cercano solo comprensione.
Ma ce ne sono altri pronti a tirare fuori gli artigli ed a graffiare quella poca autostima che rimane a chi ha solo bisogno di una parola di conforto, di dialogo, di sensibilità.

Nina ci ricorda che "Una faccia è prima di tutto una storia".

L'ESTATE CHE HO DENTRO mi ha ricordato molto un romanzo che lessi lo scorso anno "IO SONO AVA".
Le due storie sono molto simili perchè raccontano, appunto, di due adolescenti che si trovano, dall'oggi al domani, a convivere con una disabilità, rivoluzionando completamente la loro vita, le loro amicizie, le loro abitudini.

Ecco, la storia di Nina mi ha emozionato allo stesso modo.
Una volta terminato il libro, le sensazioni e le emozioni erano pressochè identiche.

Non è questione di età.
Anche una ragazzina può insegnarci a reagire, a sconfiggere le nostre paure, a combattere le nostre debolezze.
Farlo con accanto persone che ti vogliono bene è ancora più importante.

Se avete bisogno di una storia che vi scaldi il cuore, leggete ed amate L'ESTATE CHE HO DENTRO.
Non ne rimarrete delusi.

Buona lettura ;)

*